A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Victrelis 200 Mg Capsule Rigide
Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

INDICE

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Pubblicità

Pubblicità

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina

VICTRELIS 200 MG CAPSULE RIGIDE


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina

Ogni capsula rigida contiene 200 mg di boceprevir.

Eccipiente con effetti noti: ogni capsula contiene 56 mg di lattosio monoidrato.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina

Capsula rigida.

Ciascuna capsula ha una testa opaca di colore marrone–giallastro con il logo "MSD" stampato con inchiostro rosso e un corpo opaco di colore biancastro con il codice "314" stampato con inchiostro rosso.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina

Victrelis è indicato per il trattamento dell’infezione da epatite C cronica (CHC) di genotipo 1, in associazione con peginterferone alfa e ribavirina, in pazienti adulti con malattia epatica compensata che non sono stati trattati in precedenza o che non hanno risposto a precedente terapia.

Vedere paragrafi 4.4 e 5.1.


04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina

Il trattamento con Victrelis deve essere iniziato e monitorato da un medico esperto nel trattamento della epatite C cronica.

Posologia

Victrelis deve essere somministrato in associazione con peginterferone alfa e ribavirina. I Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto di peginterferone alfa e ribavirina (PR) devono essere consultati prima di iniziare la terapia con Victrelis.

La dose raccomandata di Victrelis è di 800 mg somministrati per via orale tre volte al giorno (TID) insieme ai pasti (un pasto o uno spuntino leggero). La dose giornaliera massima di Victrelis è di 2.400 mg. La somministrazione senza cibo potrebbe essere associata ad una perdita netta di efficacia dovuta a una esposizione sub–ottimale.

Pazienti senza cirrosi che non sono stati trattati in precedenza o che non hanno risposto alla precedente terapia

Le seguenti raccomandazioni sulle dosi differiscono per alcuni sottogruppi dalle dosi studiate negli studi clinici di Fase 3 (vedere paragrafo 5.1).

Tabella 1

Durata del trattamento secondo le linee guida della Terapia Basata sulla Risposta (RGT) in pazienti senza cirrosi che non sono stati trattati in precedenza o che non hanno risposto alla precedente terapia con interferone e ribavirina

Pazienti che non sono stati trattati in precedenzaVALUTAZIONE*(Valori di HCV–RNA)AZIONE
Alla Settimana di Trattamento 8Alla Settimana di Trattamento 24
Non rilevabiliNon rilevabiliDurata del trattamento = 28 settimane
1. Somministrare peginterferone alfa e ribavirina per 4 settimane, e in seguito
2. Continuare con tutti e tre i medicinali (peginterferone alfa e ribavirina [PR] + Victrelis) fino alla Settimana di Trattamento 28 (ST 28).
RilevabiliNon rilevabiliDurata del trattamento = 48 settimane
1. Somministrare peginterferone alfa e ribavirina per 4 settimane, e in seguito
2. Continuare con tutti e tre i medicinali (PR + Victrelis) fino alla ST 36, e in seguito
3. Somministrare peginterferone alfa e ribavirina fino alla ST 48.
Pazienti che non hanno risposto alla precedente terapiaNon rilevabiliNon rilevabiliDurata del trattamento = 48 settimane
1. Somministrare peginterferone alfa e ribavirina per 4 settimane, e in seguito
RilevabiliNon rilevabili
2. Continuare con tutti e tre i medicinali (PR + Victrelis) fino alla ST 36, e in seguito
3. Somministrare peginterferone alfa e ribavirina fino alla ST 48.
*Regola per l’interruzione
Se il paziente ha valori di acido ribonucleico del virus dell’epatite C (HCV–RNA) superiori o uguali a 100 UI/ml alla ST 12; interrompere allora il trattamento con i tre medicinali. Se il paziente ha confermati valori di HCV–RNA rilevabili alla ST 24; interrompere allora il trattamento con i tre medicinali.
Negli studi clinici, l’HCV–RNA plasmatico è stato misurato con il saggio Roche COBAS Taqman 2.0 con un limite di rilevazione pari a 9,3 UI/ml e un limite di quantificazione pari a 25 UI/ml.
Questo trattamento è stato testato soltanto in soggetti che non avevano risposto alla precedente terapia che erano responder tardivi (vedere paragrafo 5.1).

Tutti i pazienti cirrotici e i pazienti con risposta nulla:

– La durata raccomandata del trattamento è di 48 settimane: 4 settimane di terapia duplice con peginterferone alfa + ribavirina + 44 settimane di terapia triplice con peginterferone alfa + ribavirina + Victrelis. (Fare riferimento alla regola per l’interruzione nella Tabella 1 per tutti i pazienti).

– La durata della terapia triplice dopo le prime 4 settimane di terapia duplice non deve essere inferiore a 32 settimane. A causa dell’incremento del rischio di eventi avversi con Victrelis (in particolare l’anemia); nel caso in cui il paziente non sia in grado di tollerare il trattamento, si può prendere in considerazione di proseguire con 12 settimane di terapia duplice per le ultime 12 settimane di trattamento al posto della terapia triplice (vedere paragrafi 4.8 e 5.1).

Dosi non assunte

Se un paziente omette di assumere una dose e mancano meno di 2 ore all’orario della dose successiva, la dose omessa non deve essere assunta.

Se un paziente omette di assumere una dose e mancano 2 ore o più all’orario della dose successiva, il paziente deve assumere la dose omessa insieme al pasto e ripristinare il normale schema posologico.

Riduzione della dose

La riduzione della dose di Victrelis non è raccomandata.

Se un paziente ha una reazione avversa seria potenzialmente correlata a peginterferone alfa e/o ribavirina, la dose di peginterferone alfa e/o la dose di ribavirina devono essere ridotte. Consultare il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto del peginterferone alfa e della ribavirina per ulteriori informazioni su come ridurre la dose e/o interrompere l’assunzione di peginterferone alfa e/o ribavirina. Victrelis non deve essere somministrato in assenza di peginterferone alfa e ribavirina.

Popolazioni speciali

Compromissione renale

Non è richiesto alcun aggiustamento della dose di Victrelis in pazienti con compromissione renale di qualunque grado (vedere paragrafo 5.2).

Compromissione epatica

Non è richiesto alcun aggiustamento della dose di Victrelis in pazienti con compromissione epatica di grado lieve, moderato o severo. Victrelis non è stato studiato in pazienti con cirrosi scompensata (vedere paragrafo 5.2).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis nei bambini di età inferiore a 18 anni non sono state ancora stabilite. Non ci sono dati disponibili.

Anziani

Gli studi clinici con Victrelis non hanno incluso un numero sufficiente di soggetti di età pari o superiore a 65 anni per stabilire se essi rispondano diversamente dai soggetti più giovani. Altre esperienze cliniche non hanno individuato differenze nelle risposte fra i pazienti anziani e quelli più giovani (vedere paragrafo 5.2).

Modo di somministrazione

Per prendere le capsule rigide la lamina del blister deve essere rimossa. Victrelis deve essere preso per via orale con del cibo (un pasto o uno spuntino leggero).


04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina

Victrelis, in associazione con peginterferone alfa e ribavirina, è controindicato in:

• Pazienti con ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

• Pazienti con epatite autoimmune.

• Somministrazione concomitante di medicinali la cui clearance dipende altamente dal CYP3A4/5, e per i quali elevate concentrazioni plasmatiche sono associate a eventi seri e/o potenzialmente fatali come midazolam e triazolam somministrati per via orale, bepridil, pimozide, lumefantrina, alofantrina, inibitori della tirosina chinasi, simvastatina, lovastatina, e derivati dell’ergot (diidroergotamina, ergonovina, ergotamina, metilergonovina) (vedere paragrafo 4.5).

Gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Consultare il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di peginterferone alfa e ribavirina per ulteriori informazioni.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina

Anemia

Durante la terapia con peginterferone alfa e ribavirina è stata riportata l’insorgenza di anemia entro la Settimana di Trattamento 4. L’aggiunta di Victrelis a peginterferone alfa e ribavirina è associata a una ulteriore riduzione della concentrazione dell’emoglobina sierica di circa 1 g/dl entro la Settimana di Trattamento 8 rispetto allo standard di cura (vedere paragrafo 4.8). Un esame emocromocitometrico completo deve essere effettuato prima dell’inizio del trattamento, alla Settimana di Trattamento 4, alla Settimana di Trattamento 8, e successivamente a seconda della necessità clinica. Se l’emoglobina è < 10 g/dl (o < 6,2 mmol/l) potrebbe essere necessario trattare l’anemia (vedere paragrafo 4.8).

La riduzione della dose di ribavirina è la strategia preferita per la gestione dell’anemia emergente dal trattamento (vedere paragrafo 5.1). Consultare il riassunto delle caratteristiche del prodotto della ribavirina per informazioni sulla riduzione della dose e/o sulla interruzione della ribavirina.

In uno studio di confronto tra l’uso della riduzione della dose di ribavirina e agenti stimolanti l’eritropoiesi nella gestione dell’anemia emergente dal trattamento, l’uso di agenti stimolanti l’eritropoiesi era associato ad un aumento del rischio di eventi tromboembolici (vedere paragrafo 5.1).

Neutropenia

L’aggiunta di Victrelis a peginterferone alfa–2b e ribavirina ha dato luogo a più alte incidenze di neutropenia e neutropenia di grado 3–4 rispetto a peginterferone alfa–2b e ribavirina da sole (vedere paragrafo 4.8).

La frequenza di infezioni gravi o pericolose per la vita tende ad essere più alta nei bracci contenenti Victrelis rispetto al braccio di controllo. La conta dei neutrofili deve pertanto essere valutata prima di iniziare il trattamento e successivamente deve essere valutata in modo regolare. Si raccomanda una tempestiva valutazione e un tempestivo trattamento delle infezioni.

Uso associato con peginterferone alfa–2a rispetto ad alfa–2b:

Rispetto alla associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina, la associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2a e ribavirina è stata associata con una più alta incidenza di neutropenia (inclusa la neutropenia di grado 4) e ad una più alta incidenza di infezioni.

Si prega di consultare anche il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di peginterferone alfa.

Ipersensibilità

Durante la terapia di associazione con Victrelis, peginterferone alfa e ribavirina sono state osservate gravi reazioni di ipersensibilità acuta (ad esempio orticaria, angioedema). Qualora si sviluppasse tale reazione, si deve interrompere la terapia di associazione e si deve istituire immediatamente un’appropriata terapia medica (vedere paragrafi 4.3 e 4.8).

Medicinali contenenti drospirenone

Si deve agire con cautela in pazienti che assumono medicinali contenenti drospirenone con condizioni che li predispongono a iperkaliemia o pazienti che assumono diuretici risparmiatori di potassio. Si deve valutare un trattamento contraccettivo alternativo (vedere paragrafo 4.5).

Monoterapia con inibitori della proteasi dell’HCV

Secondo i risultati degli studi clinici, Victrelis non deve essere utilizzato in monoterapia a causa dell’elevata probabilità di aumento della resistenza in mancanza di terapie anti–HCV in associazione (vedere paragrafo 5.1).

Non è noto l’effetto della terapia con Victrelis sull’attività di inibitori della proteasi dell’HCV somministrati successivamente, compreso il ritrattamento con Victrelis.

Uso in pazienti con infezione concomitante da HIV

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis in monoterapia o in associazione con peginterferone alfa e ribavirina per il trattamento della infezione da epatite C cronica di genotipo 1 non sono state stabilite in pazienti affetti da infezione concomitante da Virus dell’Immunodeficienza Umana (HIV) e da HCV. In pazienti in terapia antiretrovirale di associazione (compresi gli inibitori della proteasi dell’HIV boosterizzati) sono in corso studi clinici che forniranno il profilo di efficacia e sicurezza in questi pazienti e consentiranno anche di determinare la rilevanza clinica delle interazioni farmacocinetiche tra boceprevir e agenti antiretrovirali. Per i dati che riguardano le interazioni farmaco–farmaco con agenti antiretrovirali in soggetti sani, vedere paragrafo 4.5.

Uso in pazienti con infezione concomitante da HBV

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis in monoterapia o in associazione con peginterferone alfa e ribavirina per il trattamento della infezione da epatite C cronica di genotipo 1 in pazienti con infezione concomitante da Virus dell’epatite B (HBV) e da HCV non sono state studiate.

Uso in pazienti con un trapianto di organo

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis in monoterapia o in associazione con peginterferone alfa e ribavirina per il trattamento della infezione da epatite C cronica di genotipo 1 in pazienti sottoposti a trapianto di fegato o di altro organo non sono state studiate (vedere paragrafo 4.5).

Uso in pazienti con genotipi HCV differenti dal genotipo 1

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis in monoterapia o in associazione con peginterferone alfa e ribavirina per il trattamento della infezione da epatite C cronica di genotipi differenti dal genotipo 1 non sono state determinate.

Uso in pazienti che in precedenza non hanno risposto ad un trattamento con un inibitore della proteasi HCV

La sicurezza e l’efficacia di Victrelis in monoterapia o in associazione con peginterferone alfa e ribavirina per il trattamento della infezione da epatite C cronica di genotipo 1 non sono state studiate in pazienti che non hanno risposto ad una precedente terapia con Victrelis o con altri inibitori della proteasi HCV.

Potenti induttori del CYP3A4

Non è raccomandato l’uso concomitante di Victrelis con potenti induttori del CYP3A4 (rifampicina, carbamazepina, fenobarbital, fenitoina) (vedere paragrafo 4.5).

Uso in pazienti con rari disturbi ereditari

Victrelis contiene lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit di Lapp lattasi o malassorbimento di glucosio–galattosio non devono assumere questo medicinale.

Effetti proaritmici

I dati disponibili (vedere paragrafo 5.3) suggeriscono cautela nei pazienti a rischio di prolungamento del QT (QT lungo congenito, ipokaliemia).


04.5 Interazioni - Inizio Pagina

Victrelis è un potente inibitore del CYP3A4/5. I medicinali principalmente metabolizzati dal CYP3A4/5 possono avere un’aumentata esposizione quando somministrati con Victrelis, che può aumentare o prolungare gli effetti terapeutici e le reazioni avverse (vedere Tabella 2). Victrelis non inibisce o induce gli altri enzimi del CYP450.

Si è riscontrato che boceprevir è un substrato in vitro della p–glicoproteina (P–gp) e della proteina di resistenza al cancro della mammella (BCRP). Questi trasportatori potenzialmente possono aumentare le concentrazioni di boceprevir; le implicazioni cliniche di queste interazioni non sono note. Uno studio clinico di interazione farmacologica con digossina ha dimostrato che boceprevir è un lieve inibitore in vivo della P–gp, aumentando l’esposizione alla digossina del 19%. Un aumento delle concentrazioni plasmatiche dei substrati del trasportatore d’efflusso P–gp, come digossina o dabigatran, deve essere previsto (vedere tabella 2).

Victrelis è parzialmente metabolizzato dal CYP3A4/5. La somministrazione concomitante di Victrelis e di medicinali che inducono o inibiscono il CYP3A4/5 può aumentare o diminuire l’esposizione a Victrelis (vedere paragrafo 4.4).

Victrelis, in associazione con peginterferone alfa e ribavirina, è controindicato quando viene somministrato insieme a medicinali la cui clearance dipende altamente dal CYP3A4/5, e per i quali elevate concentrazioni plasmatiche sono associate a eventi seri e/o potenzialmente fatali come midazolam e triazolam somministrati per via orale, bepridil, pimozide, lumefantrina, alofantrina, inibitori della tirosina chinasi, simvastatina, lovastatina e derivati dell’ergot (diidroergotamina, ergonovina, ergotamina, metilergonovina) (vedere paragrafo 4.3).

Boceprevir è metabolizzato principalmente dalla aldo–keto reduttasi (AKR). In studi di interazione farmacologica condotti con gli inibitori della AKR diflunisal e ibuprofene, l’esposizione a boceprevir non è aumentata in modo clinicamente significativo. Victrelis può essere somministrato in concomitanza con inibitori della AKR.

L’uso concomitante di Victrelis con rifampicina o anticonvulsivanti (quali fenitoina, fenobarbital o carbamazepina) può ridurre in modo significativo l’esposizione plasmatica di Victrelis. Non ci sono dati disponibili, pertanto, non è raccomandata l’associazione di boceprevir con questi medicinali (vedere paragrafo 4.4).

Si deve usare cautela con medicinali noti per prolungare l’intervallo QT quali amiodarone, chinidina, metadone, pentamidina e alcuni neurolettici.

La Tabella 2 fornisce raccomandazioni sulla dose in funzione delle interazioni farmacologiche con Victrelis. Queste raccomandazioni si basano su studi di interazione farmacologica (indicati con *) o su interazioni previste a causa della ampiezza attesa dell’interazione e del potenziale di reazioni avverse gravi o della perdita di efficacia.

La variazione percentuale e le frecce (↑ = aumento, ↓ = diminuzione, ↔ = nessuna variazione) sono usate per mostrare l’ampiezza e la direzione della variazione della stima del rapporto medio per ogni parametro di farmacocinetica.

Tabella 2

Dati di interazione farmacocinetica

Medicinali per aree terapeuticheInterazione(presunto meccanismo d’azione, se noto)Raccomandazioni relative alla somministrazione concomitante
ANALGESICI
Dipendenza da Analgesici narcotici/Oppioidi
Buprenorfina/Naloxone* (buprenorfina/naloxone 8/2 – 24/6 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)buprenorfina AUC ↑ 19%Non è raccomandato alcun aggiustamento della dose di buprenorfina/naloxone o di Victrelis. I pazienti devono essere monitorati per i segni di tossicità da oppiacei associati con buprenorfina.
buprenorfina Cmax ↑ 18%
buprenorfina Cmin ↑ 31%
naloxone AUC ↑ 33%
naloxone Cmax ↑ 9% (inibizione del CYP3A)
Metadone* (metadone 20–150 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)R–metadone AUC ↓ 15%Singoli pazienti possono richiedere una titolazione aggiuntiva del dosaggio di metadone quando si inizia o si interrompe Victrelis per assicurare l’effetto clinico del metadone.
R–metadone Cmax ↓ 10%
R–metadone Cmin ↓ 19%
S–metadone AUC ↓ 22%
S–metadone Cmax ↓ 17%
S–metadone Cmin ↓ 26% (inibizione del CYP3A)
ANTIARITMICI
Digossina* (0,25 mg digossina dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)digossina AUC ↑ 19%Non è raccomandato alcun aggiustamento della dose di digossina o di Victrelis. I pazienti che ricevono digossina devono essere monitorati in modo appropriato.
digossina Cmax ↑ 18% (effetto sul trasporto P–gp nell’intestino)
ANTI–DEPRESSIVI
Escitalopram* (escitalopram 10 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 9%L’esposizione di escitalopram è leggermente ridotta quando somministrato in associazione con Victrelis. Non è previsto alcun aggiustamento della dose di escitalopram, ma può essere necessario che le dosi siano aggiustate in base all’effetto clinico.
boceprevir Cmax ↑ 2%
escitalopram AUC ↓ 21%
escitalopram Cmax ↓ 19%
ANTI–INFETTIVI
Antifungini
Ketoconazolo* (ketoconazolo 400 mg due volte al giorno + Victrelis 400 mg dose singola)boceprevir AUC ↑ 131%Si deve usare cautela quando boceprevir viene associato con ketoconazolo o azoli antifungini (itraconazolo, posaconazolo, voriconazolo).
boceprevir Cmax ↑ 41%
boceprevir Cmin N/A (inibizione del CYP3A e/o inibizione della P–gp)
Itraconazolo, Posaconazolo, VoriconazoloNon studiata
Antiretrovirali  
Inibitore Nucleosidico della Trascrittasi Inversa dell’HIV (NRTI)
Tenofovir* (tenofovir 300 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↑ 8% **Nessun aggiustamento della dose è richiesto per Victrelis o tenofovir.
boceprevir Cmax ↑ 5%
boceprevir Cmin ↑ 8%
tenofovir AUC ↑ 5%
tenofovir Cmax ↑ 32%
Inibitore Non Nucleosidico della Trascrittasi Inversa dell’HIV (NNRTI)
Efavirenz* (efavirenz 600 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 19%**Le concentrazioni plasmatiche di valle di Victrelis si sono ridotte quando somministrato in associazione con efavirenz. L’outcome clinico di questa riduzione osservata delle concentrazioni plasmatiche di valle di Victrelis non è stato valutato direttamente.
boceprevir Cmax ↓ 8%
boceprevir Cmin ↓ 44%
efavirenz AUC ↑ 20%
efavirenz Cmax ↑ 11% (induzione del CYP3A – effetto su boceprevir)
Etravirina* (etravirina 200 mg ogni 12 ore + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↑ 10%Non è stato valutato in modo diretto il significato clinico delle riduzioni dei parametri farmacocinetici della etravirina e della Cmin di boceprevir nel setting di una terapia di associazione con medicinali antiretrovirali per l’HIV, i quali anche interferiscono sulla farmacocinetica della etravirina e/o di boceprevir. Si raccomanda un aumento del monitoraggio clinico e di laboratorio per la soppressione di HIV e HCV.
boceprevir Cmax ↑ 10%
boceprevir Cmin ↓ 12%
etravirina AUC ↓ 23%
etravirina Cmax ↓ 24%
etravirina Cmin ↓ 29%
Inibitore della Proteasi dell’HIV (IP)
Atazanavir/Ritonavir* (atazanavir 300 mg / ritonavir 100 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 5%La somministrazione concomitante di atazanavir/ritonavir e boceprevir ha dato luogo ad un’esposizione ad atazanavir più bassa che può essere associata con efficacia più bassa e con perdita del controllo dell’HIV. Se ritenuto necessario, questa somministrazione concomitante potrebbe essere presa in considerazione caso per caso, in pazienti con cariche virali di HIV soppresse e con ceppo virale di HIV senza alcuna resistenza sospettata al regime di trattamento dell’HIV. È garantito un maggiore monitoraggio clinico e di laboratorio per la soppressione dell’HIV.
boceprevir Cmax ↓ 7%
boceprevir Cmin ↓ 18%
atazanavir AUC ↓ 35%
atazanavir Cmax ↓ 25%
atazanavir Cmin ↓ 49%
ritonavir AUC ↓ 36%
ritonavir Cmax ↓ 27%
ritonavir Cmin ↓ 45%
Darunavir/Ritonavir* (darunavir 600 mg / ritonavir 100 mg due volte al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 32%Non è raccomandata la somministrazione concomitante di darunavir/ritonavir e Victrelis.
boceprevir Cmax ↓ 25%
boceprevir Cmin ↓ 35%
darunavir AUC ↓ 44%
darunavir Cmax ↓ 36%
darunavir Cmin ↓ 59%
ritonavir AUC ↓ 27%
ritonavir Cmax ↓ 13%
ritonavir Cmin ↓ 45%
Lopinavir/Ritonavir* (lopinavir 400 mg / ritonavir 100 mg due volte al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 45%Non è raccomandata la somministrazione concomitante di lopinavir/ritonavir e Victrelis.
boceprevir Cmax ↓ 50%
boceprevir Cmin ↓ 57%
lopinavir AUC ↓ 34%
lopinavir Cmax ↓ 30%
lopinavir Cmin ↓ 43%
ritonavir AUC ↓ 22%
ritonavir Cmax ↓ 12%
ritonavir Cmin ↓ 42%
Ritonavir* (ritonavir 100 mg al giorno + Victrelis 400 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 19%Quando boceprevir è somministrato con ritonavir da solo, le concentrazioni di boceprevir diminuiscono.
boceprevir Cmax ↓ 27%
boceprevir Cmin ↑ 4% (inibizione del CYP3A)
Inibitore dell’integrasi
Raltegravir* (raltegravir 400 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)raltegravir AUC ↑ 4%***Non è richiesto alcun aggiustamento della dose di Victrelis o di raltegravir.
raltegravir Cmax ↑ 11%
raltegravir C12h ↓ 25%
CORTICOSTEROIDI
Prednisone* (prednisone 40 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)prednisone AUC ↑ 22%Non è necessario alcun aggiustamento della dose quando è somministrato in concomitanza con Victrelis. I pazienti che ricevono prednisone e Victrelis devono essere monitorati in modo appropriato.
prednisone Cmax ↓ 1%
prednisolone AUC ↑ 37%
prednisolone Cmax ↑ 16%
INIBITORI DELLA HMG CoA REDUTTASI
Atorvastatina* (atorvastatina 40 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 5%L’esposizione alla atorvastatina è aumentata quando somministrata con Victrelis. Quando è richiesta la co–somministrazione, si deve partire con la dose più bassa possibile di atorvastatina con aumento della dose fino all’effetto clinico desiderato durante il monitoraggio per la sicurezza, senza superare una dose giornaliera di 20 mg. Nei pazienti che assumono correntemente atorvastatina, la dose di atorvastatina non deve superare una dose giornaliera di 20 mg durante la somministrazione concomitante con Victrelis.
boceprevir Cmax ↑ 4%
atorvastatina AUC ↑ 130%
atorvastatina Cmax ↑ 166% (inibizione di CYP3A e OATPB1)
Pravastatina* (pravastatina 40 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 6%La somministrazione concomitante della pravastatina con Victrelis ha aumentato l’esposizione alla pravastatina. Il trattamento con pravastatina può essere iniziato alla dose raccomandata quando viene co–somministrata con Victrelis. È richiesto uno stretto monitoraggio clinico.
boceprevir Cmax ↓ 7%
pravastatina AUC ↑ 63%
pravastatina Cmax ↑ 49% (inibizione di OATPB1)
IMMUNOSOPPRESSORI
Ciclosporina* (ciclosporina 100 mg dose singola + Victrelis 800 mg dose singola)boceprevir AUC ↑ 16%Deve essere previsto un aggiustamento della dose di ciclosporina quando viene somministrata con Victrelis e deve essere accompagnato da stretto monitoraggio delle concentrazioni ematiche di ciclosporina e da frequenti valutazioni della funzione renale e degli effetti indesiderati correlati alla ciclosporina.
boceprevir Cmax ↑ 8%
(ciclosporina 100 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno dosi multiple)ciclosporina AUC ↑ 168%
ciclosporina Cmax ↑ 101% (inibizione di CYP3A – effetto sulla ciclosporina)
Tacrolimus* (tacrolimus 0,5 mg dose singola + Victrelis 800 mg dose singola)boceprevir AUC ↔ La somministrazione concomitante di Victrelis con tacrolimus richiede una significativa riduzione della dose e un prolungamento dell’intervallo di somministrazione di tacrolimus, con stretto monitoraggio delle concentrazioni ematiche di tacrolimus e con frequenti valutazioni della funzione renale e degli effetti indesiderati correlati al tacrolimus.
boceprevir Cmax ↓ 3%
(tacrolimus 0,5 mg dose singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno dosi multiple)tacrolimus AUC ↑ 1.610%
tacrolimus Cmax ↑ 890% (inibizione del CYP3A – effetto sul tacrolimus)
SirolimusNon studiata (inibizione del CYP3A)È atteso un aumento significativo delle concentrazioni ematiche di sirolimus quando viene somministrato con Victrelis. È raccomandato uno stretto monitoraggio delle concentrazioni ematiche di sirolimus e frequenti valutazioni della funzione renale e degli effetti indesiderati correlati al sirolimus.
ANTICOAGULANTI ORALI
DabigatranInterazione non studiata. (effetto sul trasporto P–gp nell’intestino)Non è raccomandato alcun aggiustamento della dose di dabigatran.I pazienti che ricevono dabigatran devono essere monitorati in modo appropriato.
CONTRACCETTIVI OralI
Drospirenone/Etinilestradiolo* (drospirenone 3 mg al giorno + etinilestradiolo 0,02 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)drospirenone AUC ↑ 99%È necessario agire con cautela in pazienti con condizioni che li predispongono a iperkaliemia o pazienti che assumono diuretici risparmiatori di potassio (vedere paragrafo 4.4). è necessario valutare un trattamento contraccettivo alternativo per queste pazienti.
drospirenone Cmax ↑ 57%
etinilestradiolo AUC ↓ 24%
etinilestradiolo Cmax ↔ (drospirenone – inibizione del CYP3A)
Noretindrone/Etinilestradiolo: (noretindrone 1 mg al giorno + etinilestradiolo 0,035 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)noretindrone AUC ↓ 4%La somministrazione concomitante di Victrelis con un contraccettivo orale contenente etinilestradiolo e almeno 1 mg di noretindrone è improbabile che alteri l’efficacia contraccettiva. Infatti, i livelli sierici di progesterone, di ormone luteinizzante (LH) e di ormone follicolostimolante (FSH) indicavano che l’ovulazione era soppressa durante la somministrazione concomitante di noretindrone 1 mg/etinilestradiolo 0,035 mg con Victrelis (vedere paragrafo 4.6). L’attività di soppressione dell’ovulazione dei contraccettivi orali contenenti basse dosi di noretindrone/etinilestradiolo e di altre forme di contraccezione ormonale durante la somministrazione concomitante con Victrelis non è stata stabilita. Le pazienti in trattamento con estrogeni come terapia ormonale sostitutiva devono essere mantenute sotto controllo clinico per segni di carenza estrogenica.
noretindrone Cmax ↓ 17%
etinilestradiolo AUC ↓ 26%
etinilestradiolo Cmax ↓ 21%
INIBITORE DELLA POMPA PROTONICA
Omeprazolo*: (omeprazolo 40 mg al giorno + Victrelis 800 mg tre volte al giorno)boceprevir AUC ↓ 8%**Non è raccomandato alcun aggiustamento della dose di omeprazolo o di Victrelis.
boceprevir Cmax ↓ 6%
boceprevir Cmin ↑ 17%
omeprazolo Cmax ↑ 3%
omeprazolo C8h ↑ 12%
SEDATIVI
Midazolam* (somministrazione orale) (4 mg dose orale singola + Victrelis 800 mg tre volte al giorno) Triazolam (somministrazione orale)midazolam AUC ↑ 430%La somministrazione concomitante per via orale di midazolam e triazolam con Victrelis è controindicata (vedere paragrafo 4.3).
 omeprazolo AUC ↑ 6%**
midazolam Cmax ↑ 177% (inibizione del CYP3A) Interazione non studiata (inibizione del CYP3A)
Alprazolam, midazolam, triazolam (somministrazione intravenosa)Interazione non studiata (inibizione del CYP3A)Durante la somministrazione concomitante di Victrelis e benzodiazepine per via intravenosa (alprazolam, midazolam, triazolam) è necessario uno stretto monitoraggio clinico per il rischio di depressione respiratoria e/o sedazione prolungata. Deve esere preso in considerazione l’aggiustamento della dose delle benzodiazepine.
** 0–8 ore
*** 0–12 ore
† Conosciuto anche come noretisterone.

04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina

Gravidanza

Victrelis in associazione con ribavirina e peginterferone alfa è controindicato in donne in stato di gravidanza (vedere paragrafo 4.3).

Non sono stati osservati effetti sullo sviluppo fetale nei ratti e nei conigli (vedere paragrafo 5.3). Non ci sono dati sull’uso di Victrelis in donne in stato di gravidanza.

A causa del trattamento combinato con peginterferone alfa e ribavirina, si deve porre estrema attenzione nell’evitare la gravidanza nelle pazienti di sesso femminile o nelle partner di sesso femminile di pazienti di sesso maschile. Pertanto, le pazienti di sesso femminile in età fertile devono utilizzare un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento e per 4 mesi dopo la conclusione del trattamento. I pazienti di sesso maschile o le loro partner di sesso femminile devono utilizzare un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento e per 7 mesi dopo la conclusione del trattamento.

Per ulteriori informazioni consultare il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di ribavirina e peginterferone alfa.

Allattamento

Boceprevir/metaboliti sono escreti nel latte di ratto (vedere paragrafo 5.3). Non è noto se boceprevir viene escreto nel latte materno umano.

Non si possono escludere rischi per i neonati/lattanti.

è necessario prendere una decisione fra interrompere l’allattamento oppure interrompere o sospendere la terapia con Victrelis, prendendo in considerazione i benefici dell’allattamento per il bambino e i benefici della terapia per la madre.

Fertilità

Non sono disponibili dati nell’uomo relativamente all’effetto di Victrelis sulla fertilità. Effetti sulla fertilità e sulle cellule di Sertoli sono stati osservati nei ratti ma non nei topi e nelle scimmie. I dati clinici (analisi del seme e livelli di inibina B – [una glicoproteina prodotta dalle cellule di Sertoli usata come marker surrogato di funzione testicolare]) non hanno mostrato alcuna evidenza di alterata funzione testicolare. I dati farmacodinamici/tossicologici disponibili nei ratti hanno mostrato effetti di boceprevir/metaboliti sulla fertilità, effetti che nelle femmine si sono mostrati essere reversibili (vedere paragrafo 5.3).


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina

La terapia di associazione di Victrelis, peginterferone alfa e ribavirina può alterare la capacità di alcuni pazienti di guidare veicoli o di usare macchinari. I pazienti devono essere informati che sono stati riportati affaticamento, vertigine, sincope, oscillazioni della pressione arteriosa e visione offuscata (vedere paragrafo 4.8).


04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina

Il profilo di sicurezza riferito a circa 1.500 pazienti per l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina è stato definito sulla base dei dati di sicurezza cumulativi provenienti da due studi clinici: uno condotto in pazienti che non erano stati trattati in precedenza, e uno condotto in pazienti che non avevano risposto alla precedente terapia (vedere paragrafo 5.1).

Le reazioni avverse più frequentemente riportate sono state affaticamento, anemia (vedere paragrafo 4.4), nausea, cefalea e disgeusia.

La ragione più comune per la riduzione della dose è stata rappresentata dall’anemia, che si è verificata più frequentemente in soggetti che assumevano l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina rispetto ai soggetti che assumevano solamente peginterferone alfa–2b e ribavirina.

Le reazioni avverse sono elencate in base alla classificazione per Sistemi e Organi (vedere Tabella 3). All’interno di ogni classificazione per Sistemi e Organi, le reazioni avverse sono elencate in termini di frequenza secondo le categorie: molto comune (≥ 1/10); comune (≥ 1/100, < 1/10); non comune (≥ 1/1.000, < 1/100); raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Tabella 3

Reazioni avverse relative all’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina riportate durante gli studi clinici† e ‡

Classificazione per sistemi e organiReazioni avverse
Infezioni ed infestazioni
Comune:Bronchite*, cellulite*, herpes simplex, influenza, infezione fungina orale, sinusite
Non comune:Gastroenterite*, polmonite*, infezione stafilococcica*, candidiasi, infezione dell’orecchio, infezione fungina della cute, rinofaringite, onicomicosi, faringite, infezione del tratto respiratorio, rinite, infezione cutanea, infezione del tratto urinario
Raro:Epiglottite*, otite media, sepsi
Tumori benigni, maligni e non specificati (cisti e polipi compresi)
Raro:Tumore tiroideo (noduli)
Patologie del sistema emolinfopoietico
Molto comune:Anemia*, neutropenia*
Comune:Leucopenia*, trombocitopenia*
Non comune:Diatesi emorragica, linfoadenopatia, linfopenia
Raro:Emolisi
Disturbi del sistema immunitario
Raro:Sarcoidosi*, porfiria non acuta
Patologie endocrine
Comune:Gozzo, ipotiroidismo
Non comune:Ipertiroidismo
Disturbi del metabolismo e della nutrizione
Molto comune:Diminuzione dell’appetito*
Comune:Disidratazione*, iperglicemia*, ipertrigliceridemia, iperuricemia
Non comune:Ipokaliemia*, alterazioni dell’appetito, diabete mellito, gotta, ipercalcemia
Disturbi psichiatrici
Molto comune:Ansia*, depressione*, insonnia, irritabilità
Comune:Labilità affettiva, agitazione, disturbi della libido, alterazioni dell’umore, disturbi del sonno
Non comune:Aggressività*, ideazione omicida*, attacco di panico*, paranoia*, abuso di sostanze*, ideazione suicida*, comportamento anomalo, rabbia, apatia, stato confusionale, alterazioni dello stato mentale, irrequietezza
Raro:Disturbo bipolare*, suicidio portato a compimento*, tentato suicidio*, allucinazioni uditive, allucinazioni visive, scompenso psichiatrico
Patologie del sistema nervoso
Molto comune:Vertigine*, cefalea*
Comune:Ipoestesia*, parestesia*, sincope*, amnesia, disturbi dell’attenzione, compromissione della memoria, emicrania, parosmia, tremore, vertigini
Non comune:Neuropatia periferica*, disturbi cognitivi, iperestesia, letargia, perdita di coscienza, alterazione mentale, nevralgia, presincope
Raro:Ischemia cerebrale*, encefalopatia
Patologie dell’occhio
Comune:Secchezza oculare, essudati retinici, visione offuscata, compromissione visiva
Non comune:Ischemia retinica*, retinopatia*, sensazione anomala nell’occhio, emorragia congiuntivale, congiuntivite, dolore oculare, prurito oculare, tumefazione oculare, edema palpebrale, iperlacrimazione, iperemia oculare, fotofobia
Raro:Papilledema
Patologie dell’orecchio e del labirinto
Comune:Tinnito
Non comune:Sordità*, fastidio all’orecchio, compromissone uditiva
Patologie cardiache
Comune:Palpitazioni
Non comune:Tachicardia*, aritmia, disturbo cardiovascolare
Raro:Infarto miocardico acuto*, fibrillazione atriale*, coronaropatia*, pericardite*, versamento pericardico
Patologie vascolari
Comune:Ipotensione*, ipertensione
Non comune:Trombosi venosa profonda*, vampate, pallore, freddezza alle estremità
Raro:Trombosi venosa
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche
Molto comune:Tosse*, dispnea*
Comune:Epistassi, congestione nasale, dolore orofaringeo, congestione del tratto respiratorio, congestione sinusale, sibili
Non comune:Dolore pleuritico*, embolia polmonare*, secchezza faringea, disfonia, ipersecrezione delle vie respiratorie superiori, vescicole orofaringee
Raro:Fibrosi pleurica*, ortopnea, insufficienza respiratoria
Patologie gastrointestinali
Molto comune:Diarrea*, nausea*, vomito*, secchezza delle fauci, disgeusia
Comune:Dolore addominale*, dolore nella parte superiore dell’addome*, stipsi*, malattia da reflusso gastroesofageo*, emorroidi*, fastidio addominale, distensione addominale, fastidio anorettale, stomatite aftosa, cheilite, dispepsia, flatulenza, glossodinia, ulcera orale, dolore orale, stomatite, disturbi dentali
Non comune:Dolore nella parte inferiore dell’addome*, gastrite*, pancreatite*, prurito anale, colite, disfagia, alterazione del colore delle feci, defecazioni frequenti, emorragia gengivale, dolore gengivale, gengivite, glossite, secchezza labiale, odinofagia, proctalgia, emorragia rettale, ipersalivazione, sensibilizzazione dentale, alterazione del colore della lingua, ulcera linguale
Raro:Insufficienza pancreatica
Patologie epatobiliari
Non comune:Iperbilirubinemia
Raro:Colecistite*
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo
Molto comune:Alopecia, secchezza della cute, prurito, eruzione cutanea
Comune:Dermatite, eczema, eritema, iperidrosi, sudorazione notturna, edema periferico, psoriasi, eruzione cutanea eritematosa, eruzione cutanea maculare, eruzione cutanea maculo–papulare, eruzione cutanea papulare, eruzione cutanea pruriginosa, lesioni della cute
Non comune:Reazione di fotosensibilizzazione, ulcera cutanea, orticaria (vedere paragrafo 4.4)
Non notaAngioedema (vedere paragrafo 4.4), eruzione cutanea da farmaco con eosinofilia e sintomi sistemici (sindrome di DRESS)
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo
Molto comune:Artralgia, mialgia
Comune:Dorsalgia*, dolore alle estremità*, spasmi muscolari, debolezza muscolare, cervicalgia
Non comune:Dolore toracico muscoloscheletrico*, artrite, osteoalgia, gonfiore articolare, dolore muscoloscheletrico
Patologie renali e urinarie
Comune:Pollachiuria
Non comune:Disuria, nicturia
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella
Comune:Disfunzione erettile
Non comune:Amenorrea, menorragia, metrorragia
Raro:Aspermia
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione
Molto comune:Astenia*, brividi, affaticamento*, piressia*, sindrome simil influenzale
Comune:Fastidio toracico*, dolore toracico*, malessere*, sensazione di variazione della temperatura corporea, secchezza delle mucose, dolore
Non comune:Sensazione di anormalità, compromissione della cicatrizzazione, dolore toracico non cardiaco
Esami diagnostici
Molto comune:Calo ponderale
Non comune:Murmure cardiaco, aumento della frequenza cardiaca
* Comprende le reazioni avverse che potrebbero rivelarsi serie secondo la valutazione effettuata dal ricercatore in soggetti degli studi clinici.
† Poiché Victrelis è prescritto insieme a peginterferone alfa e ribavirina, consultare anche i rispettivi Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto di peginterferone alfa e ribavirina.
‡ Le reazioni al sito di iniezione non sono state incluse in quanto Victrelis è somministrato per via orale.

Descrizione di reazioni avverse selezionate

Anemia (vedere paragrafo 4.4)

L’anemia è stata osservata nel 49 % dei soggetti trattati con l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina rispetto al 29 % dei soggetti trattati con i soli peginterferone alfa–2b e ribavirina. Victrelis è risultato associato con una riduzione additiva di circa 1 g/dl della concentrazione di emoglobina (vedere paragrafo 4.4). Le riduzioni medie dei valori dell’emoglobina rispetto al basale sono risultate maggiori nei pazienti trattati in precedenza rispetto ai pazienti che non avevano mai assunto una precedente terapia. Le variazioni di dose dovute all’anemia/anemia emolitica sono avvenute con frequenza doppia nei pazienti trattati con l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina (26 %) rispetto ai soli peginterferone alfa–2b e ribavirina (13 %). Negli studi clinici, la proporzione di soggetti che avevano ricevuto eritropoietina per la gestione dell’anemia è stata del 43 % (667/1.548) dei soggetti nei bracci contenenti Victrelis rispetto al 24 % (131/547) di soggetti che avevano ricevuto peginterferone alfa–2b e ribavirina da sole. La maggioranza dei soggetti con anemia aveva ricevuto eritropoietina quando i livelli di emoglobina erano ≤ 10 g/dl (o 6,2 mmol/l). La quota di soggetti che sono stati sottoposti a trasfusione per la gestione dell’anemia è stata del 3 % dei soggetti nei bracci comprendenti Victrelis rispetto al < 1% dei soggetti che hanno assunto solamente peginterferone alfa–2b e ribavirina.

Neutrofili (vedere paragrafo 4.4)

La quota di soggetti con riduzione dei neutrofili è risultata più elevata nei bracci comprendenti Victrelis rispetto ai soggetti che avevano assunto solamente peginterferone alfa–2b e ribavirina. La percentuale di pazienti con neutropenia di grado 3–4 (conta dei neutrofili < 0,75 x 109/l) è risultata più elevata nei pazienti trattati con boceprevir (29 %) rispetto ai pazienti trattati con placebo (17 %), nella associazione con peginterferone alfa–2b e ribavirina. Il 7% dei soggetti che avevano assunto l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina ha avuto una conta dei neutrofili < 0,5 x 109/l (neutropenia di grado 4) rispetto al 4 % dei soggetti che avevano assunto soltanto peginterferone alfa–2b e ribavirina.

Uso associato con peginterferone alfa–2a vedere la sezione specifica nel paragrafo 4.4.

Piastrine

La conta delle piastrine era diminuita per i soggetti nei bracci comprendenti Victrelis (3 %) rispetto ai soggetti che avevano assunto peginterferone alfa–2b e ribavirina da sole (1 %). In entrambi i bracci di trattamento, i pazienti con cirrosi erano a rischio più elevato di andare incontro a trombocitopenia di grado 3–4 rispetto ai pazienti senza cirrosi.

Altre rilevazioni nelle analisi di laboratorio

L’aggiunta di Victrelis a peginterferone alfa–2b e ribavirina è stata associata ad una più elevata incidenza di aumento dell’acido urico, dei trigliceridi e del colesterolo totale rispetto a peginterferone alfa–2b e ribavirina da sole.


04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina

Dosi giornaliere di 3.600 mg sono state assunte da volontari sani per 5 giorni senza effetti sintomatici sfavorevoli. Non esiste un antidoto specifico per il sovradosaggio di Victrelis. Il trattamento del sovradosaggio di Victrelis deve essere costituito da misure generali di supporto, fra le quali il monitoraggio dei segni vitali e l’osservazione delle condizioni cliniche del paziente.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

Categoria farmacoterapeutica: antivirali per uso sistemico, inibitori della proteasi.

Codice ATC: J05AE12.

Meccanismo d’azione

Boceprevir è un inibitore della proteasi HCV NS3. Boceprevir si lega in modo covalente, ma reversibile, al sito attivo della serina proteasi NS3 (Ser139) tramite un gruppo funzionale (alfa)–chetoamidico e inibisce così la replicazione virale nelle cellule ospiti infettate da HCV.

Attività antivirale in coltura cellulare

L’attività antivirale di boceprevir è stata valutata con un saggio biochimico per inibitori a legame lento della proteasi NS3 e nel sistema HCV replicone di genotipo 1a e 1b. I valori di IC50 e IC90 per boceprevir nei confronti di differenti repliconi di genotipo 1b variavano da 200 a 600 nM e da 400 a 900 nM, rispettivamente, in un saggio di coltura cellulare a 72 ore. La perdita del RNA replicone risulta di primo ordine rispetto al tempo di trattamento. Il trattamento a IC90 per 72 ore ha determinato un calo 1–log10 di RNA replicone. Un’esposizione prolungata ha determinato un calo 2–log dei livelli di RNA entro il Giorno 15. In un replicone di genotipo 1a, i valori di IC50 e IC90 per boceprevir erano 900 nM e 1.400 nM, rispettivamente.

La valutazione di varie associazioni di boceprevir e interferone alfa–2b che hanno prodotto la soppressione del 90 % del RNA replicone ha mostrato additività dell’effetto; non è stata rilevata evidenza di sinergia o di antagonismo.

Resistenza

La resistenza a boceprevir è stata caratterizzata in saggi biochimici e del replicone. In saggi del replicone, la potenza di boceprevir è stata ridotta (2 – 16 volte) dalle seguenti varianti aminoacidiche associate a resistenza (RAV) con livelli di resistenza più elevati: V36M, T54A, R155K, A156S, e V170A. Una perdita di potenza (> 50 volte) è stata osservata con variante aminoacidica associata a resistenza: A156T. Va notato che i repliconi contenenti la variante A156T hanno minore capacità di replicazione dei repliconi contenenti altre RAV. Risultati simili sono stati ottenuti con boceprevir in studi enzimatici NS3 in vitro, dove la potenza è stata ridotta (da 2 a 17 volte) dalle RAV V36M, T54A, T54S, V55A, R155K, A156S e V170A. La perdita di potenza associata con A156T è stata > 50 volte. L’entità dell’aumento della resistenza per RAV doppie è risultato circa uguale al prodotto delle resistenze per le RAV singole.

In un’analisi cumulativa di soggetti che non erano stati trattati in precedenza e soggetti che non avevano risposto alla precedente terapia che hanno assunto per quattro settimane peginterferone alfa–2b e ribavirina seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno in associazione con peginterferone alfa–2b e ribavirina in due studi di Fase III, RAV post–basali sono state rilevate nel 15% del totale dei soggetti. In soggetti trattati con Victrelis che non avevano raggiunto una risposta virologica sostenuta (SVR) per i quali sono stati analizzati dei campioni, il 53% aveva RAV post–basali rilevate.

Le RAV post–basali più frequentemente (> 25% dei soggetti) rilevate in questi soggetti sono risultate le sostituzioni aminoacidiche V36M (61%) e R155K (68%) nei soggetti con infezione da virus di genotipo 1a e T54A (42%), T54S (37%), A156S (26%) e V170A (32%) nei soggetti con infezione da virus di genotipo 1b.

In soggetti trattati con Victrelis, la responsività all’interferone (definita come riduzione ≥ 1–log10 della carica virale alla Settimana di Trattamento 4) è risultata associata con la rilevazione di un minor numero di RAV, con il 6 % di questi soggetti che avevano RAV rispetto al 41 % dei soggetti con riduzione < 1–log10 della carica virale alla Settimana di Trattamento 4 (scarsamente responsivi all’interferone).

In soggetti trattati con Victrelis che non avevano raggiunto una SVR e con campioni post–basali analizzati per la presenza di RAV, la responsività all’interferone è risultata associata con la rilevazione di un minor numero di RAV, con il 31 % di questi soggetti che avevano RAV post–basali rispetto al 68 % dei soggetti con riduzione < 1–log10 della carica virale alla Settimana di Trattamento 4.

Le RAV sono state rilevate nel 7 % dei pazienti al basale tramite sequenziamento della popolazione. Complessivamente, la presenza di RAV al basale non è sembrata avere una associazione degna di nota con la risposta al trattamento in soggetti che ricevevano la terapia di associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina.

Tuttavia, tra i pazienti con scarsa risposta all’interferone durante le 4 settimane di trattamento iniziale con peginterferone alfa–2b/ribavirina, l’efficacia di Victrelis sembrava essere ridotta in quei pazienti che avevano le varianti V36M, T54A, T54S, V55A o R155K rilevate al basale. I soggetti con queste varianti al basale e con scarsa risposta al peginterferone alfa–2b/ribavirina rappresentavano approssimativamente l’1 % del numero totale dei soggetti trattati con Victrelis.

Un’analisi di dati provenienti da uno studio di follow–up a lungo termine in corso in soggetti provenienti da questi studi di Fase III che non avevano raggiunto una SVR ha esaminato la persistenza di RAV. Durante il periodo di 6–14 mesi successivo alla terapia, la maggior parte dei soggetti (68 %–94 %) avevano RAV che divenivano non rilevabili al sequenziamento della popolazione.

Efficacia

L’efficacia di Victrelis come trattamento per l’infezione da epatite C cronica genotipo 1 è stata valutata in circa 1.500 soggetti adulti che non erano stati trattati in precedenza (SPRINT–2) o che non avevano risposto alla precedente terapia (RESPOND–2) in studi clinici di Fase III. In entrambi gli studi, l’aggiunta di Victrelis all’attuale standard terapeutico (peginterferone alfa e ribavirina) ha aumentato in maniera significativa i tassi di risposta virologica sostenuta (SVR) rispetto al solo standard terapeutico attuale. E’ da notare che le analisi retrospettive che collegano i dati tra i due studi pilota hanno portato ad una posologia raccomandata che differisce da quella dei regimi di trattamento studiati in alcuni sottogruppi di pazienti.

Pazienti non trattati in precedenza

Lo SPRINT–2 (P05216) è stato uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che ha confrontato due regimi terapeutici di Victrelis 800 mg assunto via orale tre volte al giorno in associazione con PR (peginterferone alfa–2b 1,5 mcg/kg/settimana sottocute e ribavirina a dosaggio basato sul peso corporeo [600–1.400 mg al giorno per via orale suddivisi in due somministrazioni al giorno]) e PR in monoterapia in soggetti adulti affetti da infezione da epatite C cronica HCV genotipo 1 con livelli rilevabili di HCV–RNA e non precedentemente trattati con terapia a base di interferone alfa. I soggetti sono stati randomizzati con rapporto 1:1:1 in due coorti (Coorte 1 N=938/non neri e Coorte 2/neri N=159), e stratificati per genotipo HCV (1a o 1b) e per carica virale HCV–RNA (≤ 400.000 UI/ml vs. > 400.000 UI/ml), a uno dei seguenti tre gruppi di trattamento:

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per 48 settimane (PR48).

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per 4 settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + peginterferone alfa–2b + ribavirina per 24 settimane. I soggetti hanno in seguito continuato assumendo diversi regimi terapeutici sulla base della Terapia Basata sulla Risposta (Victrelis–RGT) alla Settimana di Trattamento (ST) 8. Tutti i pazienti in questo braccio di trattamento non sono andati oltre le 24 settimane di terapia con Victrelis.

o I soggetti con HCV–RNA non rilevabile alla ST 8 (early responder) e che inoltre avevano HCV–RNA non rilevabile fino alla ST 24 hanno interrotto la terapia e sono entrati nella fase di follow–up alla visita della ST 28.

o I soggetti con HCV–RNA rilevabile alla ST 8 o a qualsiasi successiva settimana di trattamento e successivamente non rilevabile alla ST 24 (late responder) sono stati trasferiti in cieco a placebo alla visita della ST 28 e hanno continuato la terapia con peginterferone alfa–2b + ribavirina per altre 20 settimane, per una durata complessiva del trattamento pari a 48 settimane.

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per quattro settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + peginterferone alfa–2b + ribavirina per 44 settimane (Victrelis–PR48).

Tutti i soggetti con HCV–RNA rilevabile nel plasma alla ST 24 hanno interrotto il trattamento. La Risposta Virologica Sostenuta (SVR) al trattamento è stata definita come HCV–RNA plasmatico non rilevabile[1] alla settimana 24 di follow–up.

L’aggiunta di Victrelis a peginterferone alfa–2b e ribavirina ha aumentato significativamente le frequenze di SVR rispetto ai soli peginterferone alfa–2b e ribavirina nella coorte combinata (da 63 % a 66 % per i bracci comprendenti Victrelis vs. 38% per il braccio di controllo PR48) per i soggetti randomizzati che hanno assunto almeno una dose di uno qualunque dei medicinali dello studio (Analisi completa – Set di popolazione) e ha ridotto la durata della terapia a 28 settimane per gli early responder (vedere Tabella 4). Un’analisi secondaria dei soggetti che hanno assunto almeno una dose di Victrelis o placebo dopo il periodo di quattro settimane di trattamento iniziale con peginterferone alfa–2b e ribavirina (popolazione per intenzione di trattamento modificata) ha dimostrato valori di frequenza di SVR nella coorte combinata dei bracci comprendenti Victrelis compresi tra 67 % e 68 % vs. 40 % nel braccio PR48 di controllo.

Tabella 4

Frequenze di Risposta Virologica Sostenuta (SVR)*, Fine del Trattamento (FT) e Recidiva per pazienti non trattati in precedenza

Coorti dello studioVictrelis–RGTVictrelis–PR48PR48
Tutti i soggetti§n=368n=366n=363
SVR% (n/N)63 (233/368)66 (242/366)38 (137/363)
IC 95%(58,4, 68,2)(61,3, 71,0)(32,8, 42,7)
FT (HCV–RNA non rilevabile) % (n/N)71 (261/368)76 (277/366)53 (191/363)
IC 95%(66,3, 75,6)(71,3, 80,1)(47,5, 57,8)
Recidiva% (n/N)9 (24/257)9 (24/265)22 (39/176)
IC 95%(5,8, 12,9)(5,6, 12,5)(16,0, 28,3)
* Il Set di analisi completa (FAS) è stato costituito da tutti i soggetti randomizzati (N=1.097) che hanno assunto almeno una dose di uno qualsiasi dei medicinali dello studio (peginterferone alfa–2b, ribavirina, o Victrelis). L’età media dei soggetti randomizzati era pari a 49,1 anni. La distribuzione dei soggetti per razza era la seguente: 82% bianchi, 14% neri, 2% asiatici, 1% multietnici, 1% nativi indiani americani o dell’Alaska. Il 60% dei soggetti erano uomini e il 40% donne.
La frequenza di recidiva è stata definita come la quota di soggetti con HCV–RNA non rilevabile a Fine Trattamento (FT) e HCV–RNA rilevabile a Fine Follow–up (FF) fra i soggetti con livelli non rilevabili a FT e per i quali fossero disponibili i dati a Fine Follow–up (FF).
SVR: ultimo valore disponibile nel periodo della Settimana di Follow–up (FS) 24 o successivamente. Qualora non disponibile, è stato usato al suo posto il valore della FS 12. Le frequenze SVR24 (SVR con approccio "dato mancante=fallimento") sono risultate quasi identiche. Tutti i soggetti: controllo 37%; Victrelis–RGT 62%, Victrelis–PR48 65%.
§ Il numero dei soggetti con cirrosi è limitato (dove 40 soggetti sono stati trattati con Victrelis su un totale di 53 soggetti).

La responsività all’interferone (definita come riduzione ≥ 1–log10 della carica virale alla ST 4) è risultata predittiva di SVR. Nei soggetti che hanno dimostrato responsività all’interferone alla ST 4, il trattamento con l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina ha determinato frequenze di SVR pari a 79–81% rispetto al 51% nei soggetti trattati con terapia standard. Nei soggetti con riduzione < 1–log10 della carica virale alla ST 4 (bassa responsività a interferone), il trattamento con l’associazione di Victrelis con peginterferone alfa–2b e ribavirina ha determinato frequenze di SVR pari a 28–38%, rispettivamente, rispetto a frequenze pari al 4% nei soggetti trattati con terapia standard.

Risposta Virologica Sostenuta (SVR) in pazienti che ricevevano terapia simile fino alla settimana di trattamento 28

La Tabella 5 illustra la risposta virologica sostenuta per gruppo di trattamento in pazienti non trattati in precedenza che erano responder precoci e responder tardivi e che ricevevano terapia simile fino alla settimana di trattamento 28. Il 57% (208/368) dei soggetti nel braccio Victrelis–RGT e il 56% (204/366) dei soggetti nel braccio Victrelis–PR48 avevano HCV–RNA non rilevabile alla ST 8 rispetto al 17 % (60/363) dei soggetti nel braccio PR.

Tabella 5

Risposta Virologica Sostenuta (SVR), Fine del Trattamento (FT) e Recidiva nei pazienti non trattati in precedenza (responder precoci e tardivi)

 Victrelis–RGTVictrelis–PR48Stima puntuale della differenza(Victrelis–RGT meno Victrelis–PR48)[IC 95%]
Responder Precoci (N=323) 
SVR %, (n/N)96,3 (156/162)96,3 (155/161)0,0 [–4,1, 4,1]
FT %, (n/N)100,0 (162/162)98,8 (159/161)
Recidiva %, (n/N)3,1 (5/161)1,3 (2/157)
Responder tardivi (N=141) 
SVR %, (n/N)66,2% (45/68)75,3 (55/73)–9,2 [–24,4, 6,3]
FT %, (n/N)76,5% (52/68)90,4% (66/73)
Recidiva %, (n/N)13,5% (7/52)14,1% (9/64)

Come misura conservativa in considerazione delle limitazioni dei dati, nei pazienti naÃ-ve al trattamento responder tardivi, si raccomanda che la durata della triplice terapia venga prolungata a 32 settimane rispetto alle 24 settimane di durata della triplice terapia sperimentate, per una durata totale del trattamento di 48 settimane.

Pazienti che non hanno risposto alla precedente terapia: precedenti non–responder e recidivanti alla terapia con interferone e ribavirina

Il RESPOND–2 (P05101) è stato uno studio randomizzato a gruppi paralleli, in doppio cieco, che ha confrontato due regimi terapeutici con Victrelis 800 mg assunto per via orale tre volte al giorno in associazione con PR (peginterferone alfa–2b 1,5 mcg/kg/settimana sottocute e ribavirina a dosaggio basato sul peso corporeo [600 – 1.400 mg BID] per via orale suddiviso in due somministrazioni al giorno) rispetto alla sola PR in soggetti adulti con infezione da genotipo 1 del virus dell’epatite C cronica HCV con dimostrata responsività all’interferone (storicamente definita come riduzione della carica virale HCV–RNA ≥ 2 log10 entro la Settimana 12 o HCV–RNA non rilevabile alla fine del precedente trattamento con HCV–RNA successivamente rilevabile nel plasma) e non hanno risposto al precedente trattamento con peginterferone alfa e ribavirina. Sono stati esclusi i pazienti con risposta nulla (storicamente definita come riduzione della carica virale HCV–RNA < 2 log10 entro la Settimana 12 con il precedente trattamento). I soggetti sono stati randomizzati con rapporto 1:2:2 e stratificati sulla base della risposta al precedente qualificante regime di trattamento (recidivanti vs. non–responder), e per sottotipo HCV (1a vs. 1b), a uno dei seguenti bracci di trattamento:

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per 48 settimane (PR48).

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per 4 settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + peginterferone alfa–2b + ribavirina per 32 settimane. I soggetti hanno in seguito continuato assumendo diversi regimi terapeutici sulla base della Terapia Basata sulla Risposta (Victrelis–RGT) alla ST 8. Tutti i pazienti in questo braccio di trattamento non sono andati oltre le 32 settimane di terapia con Victrelis.

• I soggetti con HCV–RNA non rilevabile alla ST 8 (early responder) e alla ST 12 hanno completato il trattamento alla visita della ST 36.

• I soggetti con HCV–RNA rilevabile alla ST 8 ma successivamente non rilevabile alla ST 12 (late responder) sono stati trasferiti in cieco a placebo alla visita della ST 36 e hanno continuato il trattamento con peginterferone alfa–2b + ribavirina per altre 12 settimane, per una durata complessiva del trattamento pari a 48 settimane.

• Peginterferone alfa–2b + ribavirina per 4 settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + peginterferone alfa–2b + ribavirina per 44 settimane (Victrelis–PR48).

Tutti i soggetti con HCV–RNA rilevabile nel plasma alla ST 12 hanno interrotto il trattamento. La Risposta Virologica Sostenuta (SVR) al trattamento è stata definita come HCV–RNA non rilevabile [2] nel plasma alla SF 24.

L’aggiunta di Victrelis alla terapia con peginterferone alfa–2b e ribavirina ha significativamente aumentato le frequenze di SVR rispetto alla terapia con peginterferone alfa–2b e ribavirina da sole (da 59% a 66% nei bracci comprendenti Victrelis vs. 21% nel braccio di controllo PR48) per i soggetti randomizzati che hanno assunto almeno una dose di uno qualsiasi dei medicinali dello studio (Analisi completa – Set di popolazione) e ha ridotto la durata della terapia a 36 settimane per molti precedenti fallimenti terapeutici (vedere Tabella 6). Un’analisi secondaria dei soggetti che hanno assunto almeno una dose di Victrelis o placebo dopo il periodo di quattro settimane di trattamento iniziale con peginterferone alfa–2b e ribavirina (popolazione per intenzione di trattamento modificata) ha dimostrato frequenze di SVR tra 61% e 67% nei bracci comprendenti Victrelis rispetto al 22% nel braccio di controllo PR48.

Il raggiungimento della SVR è risultato associato con la risposta del soggetto a terapia con peginterferone alfa–2b e ribavirina, sia definita secondo la classificazione della risposta al precedente trattamento, che come riduzione dell’HCV–RNA alla ST 4 (vedere Tabella 6). La risposta alla ST 4 è risultata un forte predittore della SVR rispetto alla risposta al precedente trattamento e ha consentito la determinazione della responsività all’interferone del soggetto in corso di trattamento.

Tabella 6

Frequenze di Risposta Virologica Sostenuta (SVR)*, Fine del Trattamento (FT), e Recidiva** per pazienti che non avevano risposto alla precedente terapia

 Victrelis–RGT (N=162)Victrelis–PR48 (N=161)PR48 (N=80)
Tutti i soggetti§SVR‡‡ % (n/N)59 (95/162)66 (107/161)21 (17/80)
IC 95%(51,5, 66,2)(59,2, 73,8)(12,3, 30,2)
FT %, (n/N)70 (114/162)77 (124/161)31 (25/80)
IC 95%(63,3, 77,4)(70,5, 83,5)(21,1, 41,4)
Recidiva** %, (n/N)15 (17/111)12 (14/121)32 (8/25)
IC 95%(8,6, 22,0)(5,9, 17,3)(17,3, 50,3)
Risposta al precedente trattamento Precedenti Non–Responder***SVR‡‡ %, (n/N)40 (23/57)52 (30/58)7 (2/29)
FT %, (n/N)54 (31/57)60 (35/58)10 (3/29)
Recidiva** %, (n/N)18 (5/28)14 (5/35)33 (1/3)
PrecedentiRecidivantiSVR‡‡ %, (n/N)69 (72/105)75 (77/103)29 (15/51)
FT % (n/N)79 (83/105)86 (89/103)43 (22/51)
Recidiva** %, (n/N)14 (12/83)10 (9/86)32 (7/22)
Risposta al trattamento iniziale (Riduzione della carica virale)Riduzione < 1–log10SVR‡‡ %, (n/N)33 (15/46)34 (15/44)0 (0/12)
FT %, (n/N)41 (19/46)48 (21/44)0 (0/12)
Recidiva** %, (n/N)12 (2/17)25 (5/20)0 (0/0)
Riduzione ≥ 1–log10SVR‡‡ %, (n/N)73 (80/110)79 (90/114)25 (17/67)
FT %, (n/N)86 (95/110)89 (101/114)37 (25/67)
Recidiva** %, (n/N)16 (15/94)9 (9/99)32 (8/25)
* Il Set per l’Analisi Completa (FAS) è stato costituito da tutti i soggetti randomizzati (N=403) che hanno assunto almeno una dose di uno qualsiasi dei medicinali dello studio (peginterferone alfa–2b, ribavirina, o Victrelis). L’età media dei soggetti randomizzati era pari a 52,7 anni. La distribuzione dei soggetti per razza era la seguente: 85% bianchi, 12% neri, 1% asiatici, <1% multirazziale, <1% nativi hawaiani o di altre isole del Pacifico. Il 67% dei soggetti erano uomini e il 33% donne.
**La frequenza di recidiva è stata definita come la quota di soggetti con HCV–RNA non rilevabile a Fine Trattamento (FT) e HCV–RNA rilevabile a Fine Follow–up (FF) fra i soggetti con livelli non rilevabili a FT e per i quali fossero disponibili i dati a Fine Follow–up (FF).
***Precendente Non–Responder = soggetto che ha fallito il raggiungimento della SVR dopo almeno 12 settimane di precedente trattamento con peginterferone alfa e ribavirina, ma ha dimostrato una riduzione ≥ 2 log10 dell’HCV–RNA alla Settimana 12.
Precedente recidivante = soggetto che ha fallito il raggiungimento della SVR dopo almeno 12 settimane di precedente trattamento con peginterferone alfa e ribavirina, ma aveva HCV–RNA non rilevabile alla fine del trattamento.
Undici soggetti per i quali non è risultata disponibile la determinazione alla ST 4 (HCV–RNA) e non sono stati inclusi nei risultati relativi alla risposta al trattamento iniziale.
‡‡ Risposta Virologica Sostenuta (SVR): ultimo valore disponibile nel periodo della Settimana di Follow–up (FS) 24 e successivamente. Qualora non disponibile, è stato usato al suo posto il valore della FS 12. Le frequenze SVR (SVR con approccio "dato mancante=fallimento") sono risultate: PR48 17/80 [21,3%], Victrelis–RGT 94/162 [58,0], Victrelis–PR48 106/161 [65,8%].
§ Il numero di soggetti con cirrosi è limitato (dove 39 soggetti sono stati trattati con Victrelis su un totale di 49 soggetti).

Risposta Virologica Sostenuta (SVR) nei pazienti che ricevevano terapia simile fino alla settimana 36

La Tabella 7 riporta la risposta virologica sostenuta per braccio di trattamento in pazienti che non avevano risposto alla precedente terapia e che erano responder precoci (HCV RNA non rilevabile alla ST 8) e responder tardivi (HCV RNA rilevabile alla ST 8 ma non rilevabile successivamente) e che avevano ricevuto terapia simile fino alla settimana 36.

Tabella 7

Risposta Virologica Sostenuta (SVR), Fine del Trattamento (FT) e Recidiva in pazienti che non avevano risposto alla precedente terapia (responder precoci e tardivi)

 Victrelis–RGTVictrelis–PR48Stima puntuale della differenza(Victrelis–RGT meno Victrelis–PR48)[IC 95%]
Responder precoci (N=144) 
SVR %, (n/N)88,7 (63/71)97,3 (71/73)– 8,5 [–16,8, –0,3]
FT %, (n/N)98,6 (70/71)98,6 (72/73)
Recidiva %, (n/N)10,1 (7/69)0 (0/71)
Responder tardivi (N=75) 
SVR %, (n/N)80 (28/35)72,5 (29/40)7,5 [–11,7, 26,7]
FT %, (n/N)97,1 (34/35)92,5 (37/40)
Recidiva %, (n/N)17,6 (6/34)19,4 (7/36)

Come misura conservativa in considerazione della limitazione dei dati, in pazienti con esperienza di trattamento responder precoci, si raccomanda che la durata totale del trattamento sia prolungata a 48 settimane rispetto alle 36 settimane di durata totale del trattamento sperimentate (RGT sperimentata), con una fase di consolidamento di 12 settimane con peginterferone ribavirina dopo la fine della terapia triplice alla settimana 36.

Uno studio con peginterferone alfa–2a in pazienti con esperienza di trattamento ha fornito risultati consistenti con lo studio P05101 (vedere paragrafo 4.4).

Pazienti che non hanno risposto alla precedente terapia: pazienti con precedente risposta nulla alla terapia con interferone e ribavirina

PROVIDE (P05514) è stato uno studio in aperto, a braccio singolo di Victrelis 800 mg per via orale tre volte al giorno in associazione con PR [peginterferone alfa–2b 1,5 mcg/kg/settimana per via sottocutanea e ribavirina in base al peso corporeo (600 – 1.400 mg BID) per via orale suddivisa in due somministrazioni al giorno] in soggetti adulti affetti da infezione da epatite C cronica (HCV) di genotipo 1 che non avevano raggiunto una SVR mentre erano nei bracci di controllo PR di precedenti studi di fase 2 e 3 di terapia di associazione con Victrelis. I soggetti che sono stati arruolati nel PROVIDE entro 2 settimane dopo l’ultima dose di PR nello studio originario hanno ricevuto Victrelis 800 mg tre volte al giorno + PR per 44 settimane. I soggetti che non sono stati idonei per essere arruolati in questo studio entro 2 settimane hanno ricevuto PR per 4 settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + PR per 44 settimane. Nel PROVIDE tutti i soggetti che presentavano una risposta nulla nello studio originario hanno ricevuto PR per 4 settimane seguiti da Victrelis 800 mg tre volte al giorno + PR per 44 settimane.

Lo studio è in corso. L’analisi ad interim della SVR è basata sull’85% (142/168) dei soggetti arruolati, tuttavia, la maggior parte dei soggetti che presentavano una risposta nulla (50/52) nello studio originario sono inclusi nell’analisi ad interim.

I soggetti che presentavano una risposta nulla nello studio originario comprendevano il 65% (34/52) con genotipo 1a, il 35% (18/52) con genotipo 1b e il 6% (3/52) con cirrosi al basale.

Il tasso di SVR è stato del 38% (19/50) nei soggetti che presentavano una risposta nulla nello studio originario e avevano ricevuto almeno una dose di qualsiasi medicinale in studio (popolazione per intenzione di trattamento) e del 40% (19/47) in quelli che avevano ricevuto almeno una dose di Victrelis (cioè escludendo pazienti che avevano interrotto durante il trattamento iniziale con PR).

Tabella 8

Risposta virologica sostenuta (SVR)*, fine del trattamento (EOT) e tassi di recidivaper i soggetti che non avevano risposto alla precedente terapia (null e non–null responder)

Coorti in studioNull responder nello studio originarioNon–null respondernello studio originario
SVR§% (n/N)38% (19/50)67% (62/92)
EOT % (n/N)44% (22/50)84% (85/101)**
Recidiva% (n/N)14% (3/22)14% (10/72)

* La popolazione Intent–to–Treat (ITT) per l’analisi della SVR era costituita da tutti i soggetti (N=142) che avevano ricevuto almeno una dose di qualsiasi medicinale in studio (peginterferone alfa–2b, ribavirina o Victrelis).

Il tasso di recidiva era la proporzione di soggetti con HCV–RNA non rilevabile alla fine del trattamento (EOT) e HCV–RNA rilevabile alla fine del follow–up (EOF) tra i soggetti che avevano livelli non rilevabili alla EOT e per i quali erano disponibili i dati alla fine del follow–up (EOF).

§ SVR: la SVR era definita come HCV–RNA plasmatico non rilevabile [3] alla FS 24 (popolazione ITT). L’ultimo valore disponibile nel periodo durante e dopo la settimana di follow–up (FS) 24. In mancanza di tale valore, è stato portato avanti il valore della FS 12.

** Nove non–null responder nell’analisi EOT non erano valutabili per la SVR al cut–off time dell’analisi ad interim.

Analisi farmacogenomica esplorativa di IL28B in studi di fase 3 effettuati con Victrelis

Una variante genetica che si avvicina al gene che codifica per l’interferone–lambda–3 (IL28B rs12979860, un cambio da C a T) è un forte predittore di risposta a peginterferone alfa–2b/ribavirina. Il IL28B rs12979860 è stato genotipizzato in 653 dei 1.048 (62%) soggetti nello SPRINT–2 (non trattati in precedenza) e in 259 dei 394 (66%) soggetti nel RESPOND–2 (che non avevano risposto alla precedente terapia) [vedere paragrafo 5.1 per le descrizioni degli studi clinici]. I risultati di questa analisi retrospettiva di sottogruppo devono essere valutati con cautela a causa della limitata dimensione del campione e delle potenziali differenze della popolazione del sottostudio rispetto alla popolazione generale dello studio.

Il grado di valore aggiunto di Victrelis alla duplice terapia nei pazienti C/C dipenderà dalla probabilità di raggiungere una SVR con la sola duplice terapia. Nei pazienti C/C che ricevevano triplice terapia l’89% dei pazienti naÃ-ve al trattamento avevano HCV–RNA non rilevabile entro la ST 8 ed erano eleggibili per una terapia di più breve durata rispetto al 52% dei pazienti naÃ-ve al trattamento non C/C.

Tabella 9

Tassi di Risposta Virologica Sostenuta (SVR) per genotipo IL28B rs12979860

Studio ClinicoGenotipo IL28B rs12979860PR48*SVR, % (n/N)Victrelis–RGT*SVR, % (n/N)Victrelis–PR48*SVR, % (n/N)
SPRINT–2 (soggetti non trattati in precedenza)C/C78 (50/64)82 (63/77)80 (44/55)
C/T28 (33/116)65 (67/103)71 (82/115)
T/T27 (10/37)55 (23/42)59 (26/44)
RESPOND–2 (soggetti che non avevano risposto alla precedente terapia)C/C46 (6/13)79 (22/28)77 (17/22)
C/T17 (5/29)61 (38/62)73 (48/66)
T/T50 (5/10)55 (6/11)72 (13/18)

*Vedere paragrafo 5.1 descrizioni degli studi clinici per ogni braccio di trattamento.

Se durante il trattamento la risposta virologica precoce e/o il genotipo IL28B possano identificare in modo attendibile quei pazienti che è poco probabile che ottengano un beneficio significativo dall’aggiunta di boceprevir (frequenze di SVR più alte o una ridotta durata del trattamento) alla duplice terapia è attualmente sotto studio.

Uso della riduzione della dose di ribavirina versus l’eritropoietina nella gestione dell’anemia in soggetti non trattati in precedenza

Uno studio randomizzato, a bracci paralleli, in aperto (P06086) è stato condotto per confrontare due strategie per la gestione dell’anemia (uso di eritropoietina versus riduzione della dose di ribavirina) in 687 soggetti, compresi 60 pazienti cirrotici, con infezione da CHC di genotipo 1 non trattati in precedenza che erano diventati anemici durante la terapia con Victrelis 800 mg per via orale tre volte al giorno in associazione con PR [peginterferone alfa–2b 1,5 mcg/kg/settimana per via sottocutanea e ribavirina in base al peso corporeo (600 – 1.400 mg BID) per via orale suddivisa in due somministrazioni al giorno].

Se le concentrazioni sieriche di emoglobina continuavano a diminuire fino a ≤8,5 g/dl, i soggetti potevano essere trattati con ulteriori interventi per l’anemia, compreso l’uso di eritropoietina o la riduzione della dose di ribavirina.

I tassi di SVR nei soggetti randomizzati a ricevere una riduzione della dose di ribavirina e randomizzati a ricevere eritropoietina sono stati comparabili.

Tabella 10

Risposta virologica sostenuta (SVR) * e tassi di recidivaper l’uso della riduzione della dose di ribavirina versus l’eritropoietina nella gestione dell’anemia in soggetti non trattati in precedenza

 Soggetti randomizzati a ricevere riduzione della dose di ribavirina (N=249)Soggetti randomizzati a ricevere eritropoietina (N=251)
SVR% (n/N)71,5% (178/249)70,9% (178/251)
Recidiva % (n/N)9,7% (19/196)9,6% (19/197)

* Il Set per l’Analisi Completa (FAS) è stato costituito da tutti i soggetti che erano diventati anemici (emoglobina sierica approssimativamente ≤10 g/dl nel periodo di trattamento) e che erano randomizzati ad usare una riduzione della dose di ribavirina o eritropoietina (N=500). L’età media dei soggetti randomizzati era di 49 anni. La distribuzione delle razze dei soggetti era la seguente: 77% bianchi, 19% neri e 4% altri. La distribuzione dei soggetti in base al sesso era 37% uomini e 63% donne.

Il tasso di recidiva era la proporzione di soggetti con HCV–RNA non rilevabile alla fine del trattamento (EOT) e HCV–RNA rilevabile alla fine del follow–up (EOF) tra i soggetti che erano non rilevabili alla EOT e con dati non mancanti alla fine del follow–up (EOF).

SVR: la SVR al trattamento era definita come HCV–RNA plasmatico non rilevabile[4] alla FS 24. L’ultimo valore disponibile nel periodo durante e dopo la settimana di follow–up (FS) 24. In mancanza di tale valore, è stato portato avanti il valore della FS 12. I tassi di SVR (SVR con approccio "mancante=fallimento") sono stati simili. Soggetti randomizzati a ricevere una riduzione della dose di ribavirina: 69,9% (174/249); soggetti randomizzati a ricevere eritropoietina: 68,5% (172/251).

Ci sono stati 77 soggetti che avevano ricevuto una riduzione della dose di ribavirina ≥5 step per la gestione dell’anemia. Per la maggior parte di questi soggetti (n=54), la dose più bassa di ribavirina ricevuta per almeno 14 giorni è stata ≥600 mg/die. Un numero limitato di soggetti (n=12) aveva ricevuto ≤200 mg/die di ribavirina per almeno 14 giorni.

Il tasso di interruzione del trattamento dovuto all’anemia è stato del 2% (5/249) nei soggetti randomizzati a ricevere una riduzione della dose di ribavirina e del 2% (6/251) nei soggetti randomizzati a ricevere eritropoietina. Il tasso di trasfusione è stato del 4% (10/249) nei soggetti randomizzati a ricevere una riduzione della dose di ribavirina e del 2% (5/251) nei soggetti randomizzati a ricevere eritropoietina.

L’uso di agenti stimolanti l’eritropoiesi è stato associato ad un aumento del rischio di eventi tromboembolici compresi embolia polmonare, infarto acuto del miocardio, accidente cerebrovascolare e trombosi venosa profonda.

Popolazione pediatrica

L’Agenzia Europea dei Medicinali ha rinviato l’obbligo di presentare i risultati degli studi con Victrelis in uno o più sottogruppi della popolazione pediatrica per l’epatite virale C cronica (vedere paragrafo 4.2 per informazioni sull’uso pediatrico).


05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

Assorbimento

Boceprevir è stato assorbito dopo somministrazione orale con un Tmax mediano pari a 2 ore. L’AUC allo stato stazionario, la Cmax e la Cmin sono aumentate in maniera meno che dose–proporzionale e le esposizioni individuali si sono sovrapposte in modo sostanziale alle dosi da 800 mg e 1.200 mg, indicando un ridotto assorbimento alle dosi più elevate. L’effetto di accumulo è minimo e lo stato stazionario farmacocinetico viene raggiunto dopo circa 1 giorno di somministrazione per tre volte al giorno.

In soggetti sani che hanno assunto 800 mg tre volte al giorno in monoterapia, l’esposizione al medicinale per boceprevir è stata caratterizzata da AUC(τ) pari a 6.147 ng.h/ml, Cmax pari a 1.913 ng/ml, e Cmin pari a 90 ng/ml. I dati farmacocinetici sono risultati simili tra soggetti sani e soggetti infettati dall’HCV.

La biodisponibilità assoluta di Victrelis non è stata studiata.

Effetti del cibo sull’assorbimento per via orale

Victrelis deve essere somministrato insieme ai pasti. Il cibo ha aumentato l’esposizione di boceprevir fino al 60% alla dose di 800 mg tre volte al giorno quando somministrato con un pasto rispetto all’assunzione a digiuno. La biodisponibilità di boceprevir è indipendente dal tipo di pasto (ad es., alto contenuto di grassi vs. basso contenuto di grassi) o dal fatto che venga assunto 5 minuti prima di mangiare, durante il pasto o subito dopo la fine del pasto.

Distribuzione

Boceprevir ha un volume apparente medio di distribuzione (Vd/F) pari a circa 772 l allo stato stazionario. Il legame alle proteine plasmatiche umane è circa del 75% dopo una dose singola di Victrelis 800 mg. Boceprevir è somministrato come una miscela in proporzioni all’incirca uguali di due diastereomeri che si interconvertono rapidamente nel plasma. Allo stato stazionario, il rapporto di esposizione per i due diastereomeri è approssimativamente di 2:1, con il diastereomero predominante che è farmacologicamente attivo.

Biotrasformazione

Studi in vitro indicano che il metabolismo principale di boceprevir si svolge attraverso la via mediata dall’aldo–chetoreduttasi (AKR) con formazione di metaboliti ridotti in forma chetonica che sono inattivi contro l’HCV. Dopo una singola dose orale di 800 mg di 14C–boceprevir, i più abbondanti metaboliti circolanti sono risultati una miscela diastereomerica di metaboliti ridotti in forma chetonica con un’esposizione media circa 4 volte maggiore di quella di boceprevir. In misura minore, boceprevir subisce anche un metabolismo ossidativo mediato dal CYP3A4/5.

Eliminazione

Boceprevir è eliminato con un’emivita plasmatica (t½) di circa 3,4 ore. Boceprevir ha una clearance corporea totale media (CL/F) pari a circa 161 l/h. Dopo una dose orale singola di 800 mg di 14C–boceprevir, circa il 79% e il 9% della dose è stato escreto nelle feci e nelle urine, rispettivamente, con circa l’8% e il 3% della dose di radiocarbonio eliminata come boceprevir nelle feci e nelle urine. I dati indicano che boceprevir è principalmente eliminato per via epatica.

Popolazioni speciali

Compromissione epatica

In uno studio condotto in pazienti con diversi gradi di compromissione epatica cronica stabile (lieve, moderata e severa), non sono state trovate differenze clinicamente significative nei parametri farmacocinetici, e non è raccomandato alcun aggiustamento della dose.

Compromissione renale

Non sono state osservate differenze clinicamente significative nei parametri farmacocinetici tra pazienti con malattia renale in fase terminale (ESRD) e soggetti sani. Boceprevir non è eliminato con la dialisi. Non è richiesto alcun aggiustamento della dose in questi pazienti, né in pazienti con compromissione renale di qualunque grado.

Sesso

Negli studi di Fase III non sono state osservate differenze farmacocinetiche correlate al sesso in pazienti adulti.

Razza

L’analisi farmacocinetica di popolazione con Victrelis ha indicato che la razza non ha alcun apparente effetto sull’esposizione.

Età

L’analisi farmacocinetica di popolazione con Victrelis ha indicato che l’età non ha alcun apparente effetto sull’esposizione.


05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

In uno studio in vitro sulle fibre di Purkinje del cane, boceprevir ha prolungato la durata del potenziale di azione con frequenza–dipendenza inversa; la rilevanza clinica non è certa.

Negli studi di tossicità con dosi ripetute boceprevir ha mostrato degenerazione testicolare nei ratti ad esposizioni sistemiche più basse rispetto a quelle raggiunte negli esseri umani alla dose terapeutica raccomandata nell’uomo. Questo non è stato osservato nei topi o nelle scimmie.

Boceprevir non è risultato genotossico in una batteria di saggi in vitro o in vivo, fra cui saggi di mutagenicità batterica, linfociti ematici periferici umani e test del micronucleo nel topo.

In studi di carcinogenicità a 2 anni, non è stata osservata carcinogenicità, ma è stata osservata una aumentata incidenza di adenoma epatocellulare nei topi, che non è stata statisticamente significativa, ad esposizioni sistemiche 5,7 volte più elevate di quelle raggiunte negli esseri umani alla dose terapeutica raccomandata. Non sono stati osservati adenomi o carcinomi nei ratti. I tumori epatocellulari si ritiene che siano causati da induzione enzimatica e di conseguenza non rilevanti per gli esseri umani.

Boceprevir e i prodotti derivanti dal medicinale si è visto che passano nel latte di ratti in allattamento.

L’esposizione a boceprevir nei lattanti umani è stimata inferiore all’1% della dose.

Nei ratti, boceprevir ha indotto effetti reversibili sulla fertilità e sullo sviluppo embrionale precoce in ratti femmine ad esposizioni pari a 1,2 volte l’esposizione raggiunta negli esseri umani alla dose terapeutica raccomandata. Una ridotta fertilità è stata anche osservata nei ratti maschi, molto probabilmente come conseguenza di degenerazione testicolare (non è stata osservata alcuna degenerazione testicolare nei topi o nelle scimmie). Si è visto che boceprevir è privo di potenziale embrionale o teratogenico sia nei ratti che nei conigli a livelli di dose materno tossici.

Dati ottenuti nei ratti giovani suggeriscono che il profilo farmacocinetico di boceprevir può essere differente da quello dei ratti adulti, possibilmente a causa della immaturità di alcune vie metaboliche. Non sono disponibili dati clinici sulla esposizione nei pazienti pediatrici (vedere paragrafo 4.2).


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina

Contenuti della capsula:

Sodio laurilsolfato

Cellulosa microcristallina

Lattosio monoidrato

Croscarmellosa sodica

Amido pregelatinizzato

Magnesio stearato

Costituenti della capsula:

Gelatina

Titanio diossido (E171)

Ossido di ferro giallo (E172)

Ossido di ferro rosso (E172)

Inchiostro da stampa rosso contenente:

Gommalacca

Ossido di ferro rosso (E172)


06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina

Non pertinente.


06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina

2 anni


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina

Conservazione da parte del farmacista

Conservare in frigorifero (2° C – 8° C).

Conservazione da parte del paziente

• Conservare in frigorifero (2° C – 8° C) fino alla data di scadenza.

OPPURE

• Conservare fuori dal frigorifero a temperatura uguale o inferiore a 30° C per un periodo di non più di 3 mesi fino alla data di scadenza. Dopo questo periodo, il medicinale deve essere smaltito.

Conservare nel blister originale per proteggere dall’umidità.


06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina

Blister trasparenti in policlorotrifluoroetilene/PVC/alluminio contenenti 4 capsule rigide per ogni alveolo del blister. Ogni alveolo del blister è chiuso mediante termosaldatura di una lamina di copertura rimovibile in una configurazione di 3 alveoli per ogni blister card e confezionata.

Confezioni: astuccio da 84 capsule rigide e confezione multipla contenente 336 (4 astucci da 84) capsule rigide.

E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Merck Sharp & Dohme Ltd

Hertford Road, Hoddesdon

Hertfordshire EN11 9BU

Regno Unito


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

EU/1/11/704/001

041380015

EU/1/11/704/002

041380027


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina

Data della prima autorizzazione: 18 luglio 2011


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina

03/2013

Valid XHTML 1.1 CSS Valido!

 


Ultimo aggiornamento: 09/06/2014.
Prontuariofarmaci. - Copyright © 2002-2010 - Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy